TRASPORTI

Ast, La Corte (Cobas): "A Siracusa risparmi del 2 mila per cento grazie alle internalizzazioni"

SIRACUSA. "Siamo al fianco della dirigenza dell’Ast nel percorso di rilancio di un’impresa pubblica strategica per i trasporti in Sicilia. Le intimidazioni, sotto forma di lettere anonime giunte ai vertici aziendali, non sono altro che una reazione contro la politica di risparmi intrapresa dalla nuova governance". È questa la posizione dei Cobas Lavoro Privato, che plaudono "al lavoro fin qui svolto dal direttore generale Ugo Fiduccia e dal presidente Massimo Finocchiaro, i quali hanno denunciato alla Procura di Palermo e alla commissione antimafia dell’Ars le intimidazioni ricevute".

I Cobas, con il coordinatore Orazio La Corte, nei giorni scorsi hanno avuto un incontro informale con Fiduccia. "Un direttore che viene dalla produzione e che, conoscendo molto bene come funziona l’Ast, ha saputo dove intervenire per tagliare gli sprechi" dice La Corte, entrando quindi nel dettaglio: "La 'manciugghia' è finita. Lo dimostrano le internalizzazioni nel settore officina che, in alcune province come Siracusa, hanno prodotto risparmi del 2mila per cento. E ancora, l’acquisto di pullman che ha permesso all’Ast di riappropriarsi di linee urbane ed extraurbane finora subappaltate. Per non parlare delle somme recuperate dai Comuni in debito".

"Tutte iniziative – concludono i Cobas – che hanno dato tranquillità economiche ai dipendenti, ma che evidentemente infastidiscono qualcuno: ecco perché come sindacato daremo all’azienda tutto il nostro supporto affinché si possa aprire una nuova stagione di efficienza e produttività. Siamo convinti che in questa fase così delicata non mancherà l’appoggio della Regione, socio unico dell’Ast".

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook