IL CASO

Cassazione: coltivare una piantina di marijuana in casa non è reato

di

SIRACUSA. Coltivare una piantina di marjiuana sul terrazzo di casa o sul balcone non è reato. È quanto ha stabilito la sesta sezione penale della Corte di Cassazione pronunciandosi su un ricorso proposto dalla Procura della Repubblica della città contro la sentenza di non luogo a procedere emessa dal tribunale penale collegiale il 16 febbraio scorso nei confronti di un siracusano finito sotto processo per una piantina di canapa indiana rinvenuta e sequestrata nel balcone della sua abitazione.
Nel convincimento dei giudici di primo grado è prevalso l' orientamento secondo cui il bassissimo principio attivo (1,8 per cento) e la presenza di un' unica pianta in tutto l' appartamento e nei luoghi di pertinenza dell' imputato permettevano di inquadrare l' episodio nella pratica del consumo personale e di escludere che dalla piantina si fosse potuto alimentare il mercato degli stupefacenti.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI SIRACUSA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X