25 ANNI DALLA SCOMPARSA

Siracusa ricorda Lo Bello, il figlio Rosario: "Un museo per ricordare papà"

di

SIRACUSA. «Abbiamo tanti cimeli sia io che mia sorella Franca e sarebbe bello l' idea di un museo che possa ospitare questi oggetti per mantenere vivo il ricordo di mio padre e magari farli conoscere non solo ai siracusani ma anche a chi fa tappa in città». Rosario Lo Bello, figlio del «principe dei fischietti» Concetto, non risparmia però critiche agli attuali amministratori di palazzo Vermexio che si sono a detta, dell' ex arbitro internazionale, «dimenticati» del miglior direttore di gara di tutti i tempi a 25 anni dalla sua scomparsa.

Concetto Lo Bello, non è stato solo una «giacchetta nera» che ha solcato i campi sia a livello nazionale che internazionale, ma detiene anche il record di gare dirette in serie A: ben 328 nel massimo campionato nazionale. È stato dirigente sportivo, politico nelle file della Democrazia cristiana a Montecitorio e anche sindaco della città. Una figura che si è spesa molto anche per Siracusa, la sua città natale: fu lui infatti a far reperire le somme necessarie per la costruzione della cittadella dello Sport, a lui dedicata, e del campo scuola «Pippo Di Natale» che sono punti di riferimento degli sportivi siracusani anche adesso. Pallamano e Pallanuoto, oltre al calcio, le sue passione.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI SIRACUSA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook