IL CASO

Noto, saltano due mostre: mancano gli spazi

di

NOTO. Un altro diniego nel volgere di pochi giorni: stavolta ad essere cancellata a Noto è l' esposizione di mobili del settecento siciliano che si sarebbe dovuta tenere in un' ala di palazzo Rau della Ferla, alle spalle del Municipio. Dopo il no di qualche giorno prima pronunciato dal Comune che, per un vizio di forma nella richiesta, ha revocato l' autorizzazione dei bassi di palazzo Ducezio a un pittore catanese, ieri l' altro è arrivato quello più privato opposto da due dei proprietari del palazzo di via Silvio Spaventa che si sono appellati a motivi legati alla privacy.

Diverse ragioni, è vero, così come distinti spazi espositivi, tuttavia il nuovo rifiuto ha finito per aprire un serio quanto inquietante interrogativo: Noto non dispone - almeno così sembra - di spazi espositivi. Il primo attacco giunge dal movimento «Passione Civile» che ha in Cettina Raudino, ex assessore alla Cultura, la maggiore rappresentante.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI SIRACUSA DEL QUOTIDIANO OSCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook