Il relitto del peschereccio in rada ad Augusta, le immagini del trasferimento - Video

AUGUSTA. Sono cominciati nel porto di Augusta i lavori di messa a terra sul pontile Marina Militare di Melilli del barcone carico di migranti naufragato il 18 aprile del 2015 nel Canale di Sicilia e recuperato nei giorni scorsi nell'ambito di un'operazione disposta dalla presidenza del consiglio dei ministri. Secondo le testimonianze dei superstiti a bordo c'erano circa 700 persone.

Il relitto sta per essere trasferito a terra dopo essere stato prelevato nel fondo del mare Mediterraneo a una profondità di circa 400 metri dalla nave Ievoli Ivory. Il recupero, è stato coordinato dalla marina militare su disposizione del ministero della Difesa.

L'imbarcazione sarà trasportata in un hangar refrigerato appositamente realizzato nell'area, dove sarà "conservato" con dell'azoto liquido. I primi a intervenire dentro il peschereccio per la messa in sicurezza della struttura e il recupero dei corpi, che si stimano siano 250-300, sarà una squadra specializzata dei vigili del fuoco. Successivamente le salme saranno sottoposte ad autopsia e a prelievi del Dna per la loro identificazione. Nella "cittadella" realizzata nel porto del Siracusano lavorano ogni giorno circa 150 persone.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X