EMERGENZA

Noto, assalti dei randagi: uccisi due agnellini

di

NOTO. Giorno e notte a guardia del suo gregge, attaccato e massacrato dai cani. Franzo Spada, il quarantatreenne allevatore netino, titolare dell'azienda «La Pecora Nera» di contrada Romanello, a due passi da Noto, ieri mattina è stato testimone di un nuovo episodio: in contrada Piana, lungo la strada che dalla città barocca porta a Pachino, a meno di un chilometro dal fondo dove trovano riparo gli ovini, ha trovato una pecora sgozzata e divorata dai cani e due agnellini, appena nati, ridotti a brandelli.

E la storia si ripete: dal 18 febbraio scorso a oggi sono stati una decina gli animali sbranati dai cani. Il primo episodio risale al febbraio di due anni fa, ”ma l'ombra del feroce branco torna a riapparire. Sempre”. Rabbia e disperazione nelle parole di Franzo Spada per la feroce scena che ieri gli si è parata davanti agli occhi.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X