CONTRADA NACA

Tentata rapina ad Avola, sfiorata la tragedia

di

AVOLA. Una tentata rapina a mano armata finita con la fuga dei malviventi, ma che avrebbe potuto trasformarsi in tragedia per i numerosi colpi di postola sparati da uno dei banditi all'indirizzo di uno dei componenti della famiglia che gli ha lanciato addosso il mestolo che teneva in mano.

È successo intorno alle 21,30 in contrada Naca, zona residenziale periferia ai lati di viale Lido, quando tre uomini col volto travisato da passamontagna, di cui uno armato di pistola, hanno fatto irruzione all'interno dell'appartamento di un commerciante, titolare di un noto bar-pasticceria della città, ubicato a pochi metri dal costruito ma non ancora funzionante nuovo commissariato di polizia.

Per arrivare nella casa, introducendosi nella dependance, i tre malviventi avevano prima scavalcato la siepe che delimita la villetta. Al momento dell'irruzione dei banditi proprio nella dependance si era riunita l'intera famiglia, padre, madre e figlio. A sconvolgere subito quella che doveva essere una tranquilla serata in famiglia, quando la famiglia stava per iniziare a cenare, è stata la improvvisa comparsa dei tre malviventi di cui uno con in mano una pistola.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X