GUARDIA DI FINANZA

Traffico illegale, sequestrati 388 reperti archeologici a Lentini

LENTINI. La Guardia di Finanza ha individuato un traffico illegale di reperti archeologici nel siracusano. Sequestrati 388 reperti ritrovati nell'abitazione di un uomo di 37 anni di Lentini che è stato denunciato per illecita ricerca di materiale archeologico e illecito impossessamento di beni culturali appartenenti allo stato.

Nella casa i finanzieri della Tenenza di Lentini hanno trovato anche il materiale idoneo ad eseguire la ricerca ed il furto (tra cui un metal detector utilizzato per la ricerca degli oggetti numismatici). Nel dettaglio sono state trovate 138 monete antiche di cui 137 in bronzo ed una in argento (età greco - romana) di varia epoca, databili lungo un arco cronologico che va dall'età ellenistico-romana ad età moderna, con netta prevalenza di monete medievali; due lekythoi a figure nere di produzione attica e siceliota; tre contenitori frammentari, tutti databili fra V e IV sec. a.C. ; dodici ghiande missile di età greca, una fibbia in bronzo di età bizantina, e 245 frammenti metallici di varia natura.

Ancora non è stato individuato il sito dove sono stati trafugati i reperti, anche se è ipotizzabile, specie per i reperti ceramici, la provenienza da necropoli. L'esame peritale è stato effettuato dalla soprintendente ai beni culturali, Rosalba Panvini, e dalla dirigente della Unità Beni archeologici, Rosa Lanteri, che hanno confermato la loro autenticità.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook