IL CASO

Motopesca siracusano sequestrato a Malta, si lavora per il processo in Italia

di
malta, motopesca, processo, Siracusa, Cronaca

SIRACUSA. Un processo in Italia e non a Malta. È questa la soluzione sulla quale sta lavorando il governo nazionale, e in particolare il ministero delle Politiche agricole e della Pesca, per consentire il ritorno a casa del motopesca «Mariella».

L'imbarcazione siracusana è stata posta sotto sequestro dalle autorità maltesi lo scorso 9 dicembre. Da quel momento i quattro componenti dell'equipaggio guidati dal comandante siracusano Angelo Miraglia sono bloccati a Malta senza poter riprendere il mare per fare ritorno in città. A garantire che il governo sta effettuando tutte le mosse necessarie per arrivare al rilascio del motopesca è Giuseppe Castiglione, sottosegretario delle Politiche agricole e forestali. «Ci siamo da subito attivati per risolvere la situazione – ha spiegato Castiglione – avviando i contatti con il governo maltesi».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Siracusa: i più cliccati