IL CASO

Priolo, l'allarme degli operai: "Non c'è più lavoro"

di
LAVORO, operai, priolo, Siracusa, Economia

PRIOLO. «Qui a Priolo siamo tagliati fuori da qualunque progetto relativo ai lavori socialmente utili, per noi nessun reinserimento è possibile». La denuncia è di un ex operaio metalmeccanico Mario Caltabiano che dopo oltre venticinque anni di lavoro nell' indotto dell' area industriale, si trova adesso senza alcun sostegno al reddito e con una famiglia da mantenere.

«Sono uno dei tremilacinquecento disoccupati che vivono a Priolo la drammaticità del quotidiano - ha detto Caltabiano - ci troviamo a ridosso del polo petrolchimico più grande d' Europa, ma non c' è più spazio per chi ha superato i 50 anni. Nelle ultime fermate dell' area industriale non c' è stato alcuno spazio per i disoccupati priolesi ed a lavorare nell' indotto sono stati coloro che provenivano da Gela, Palermo e perfino da Napoli. Io ho lavorato per oltre venticinque anni in varie aziende metalmeccaniche, ed ora pur avendo esperienza e professionalità acquisita in diversi anni mi ritrovo senza alcuna occupazione. Tutto questo è inaccettabile».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Siracusa: i più cliccati