LE INDAGINI

La morte del migrante in carcere a Siracusa, avviso di garanzia per un medico

di

SIRACUSA. C’è un indagato nell’inchiesta per la morte dello scafista senegalese di 29 anni deceduto in una cella del carcere di contrada Cavadonna. Ieri è stata compiuta l’autopsia sul corpo senza vita del migrante ma al termine dell’esame non sarebbero stati riscontrati segni di violenza. Non si esclude, a questo punto, che possa essere rimasto vittima di un malore che lo ha condotto alla morte.

La Procura intende, comunque, alzare il velo sugli ultimi istanti di vita del senegalese, a cominciare dal momento in cui si è sentito male fino ai soccorsi che, secondo alcune fonti investigative, gli sarebbero stati prestati da un medico della struttura penitenziaria. E su di lui, per il momento, si sarebbero focalizzate le attenzioni degli inquirenti che, però, attendono il completamento di altri esami prima di mettere la parola fine a questa vicenda. Infatti, sono previsti gli accertamenti istologici, che, secondo i magistrati, consentiranno di scavare a fondo nelle cause della morte del ventinovenne.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X