AMMINISTRAZIONE

Augusta, boccata d'ossigeno per i precari

di

AUGUSTA. Saranno coperti almeno per i prossimi due mesi e mezzo gli stipendi degli 85 precari in forza al Comune megarese. La Regione, infatti, tra oggi e lunedì prossimo effettuerà la ripartizione delle somme e stanzierà circa 250 mila euro per Augusta dalla voce di bilancio di 41 milioni di euro destinati ai precari di tutta la Sicilia.

È questo l' esito della seduta della Commissione regionale Bilancio, presieduta dal parlamentare regionale Vincenzo Vinciullo che si è riunita ieri pomeriggio alla presenza dell' assessore regionale agli Enti locali, Lucia Lantieri, e del dirigente Giuseppe Morale. «Durante l' incontro- ha detto Vinciullo- si è preso atto che la mia lettura era corretta e domani (oggi per chi legge) e martedì prossimo gli uffici lavoreranno per effettuare la ripartizione delle somme destinate ai vari comuni. La Regione, che ha 81 milioni per il 2016 per i precari, ha deciso che ne impegnerà 41 per garantire la copertura degli stipendi per gennaio, febbraio e parte di marzo ed essendo soldi della Regione non necessitano di essere approvati dalla Commissione per la stabilità finanziaria degli Enti locali del Ministero dell' Interno. Pertanto invito la giunta comunale a prevedere già la delibera per la proroga dei con tratti agli 85 lavoratori che dovrà essere firmata entro fine anno.

Il restante 50 per cento della somma del bilancio verrà approvato non appena sarà approvata la Finanziaria, ci auguriamo entro il 19 gennaio. Tutto questo si è reso necessario per scongiurare interruzioni lavorative». Proprio due giorni fa Vinciullo aveva inviato al presidente della Regione, all' assessore regionale e al dipartimento delle Autonomie locali una lettera in cui sottolineava che «il futuro occupazionale di questi lavoratori risulta quanto mai incerto poiché ogni eventuale provvedimento di proroga annuale è condizionato dalla certezza delle risorse provenienti dal fondo di riequilibrio regionale. E sulla polemica scoppiata dopo che alla Camera alcuni parlamentari grillini hanno bocciato l' emen damento che proroga per un anno icon tratti ai precari dei comuni in dissesto, interviene il capogruppo dei 5 Stelle, Mauro Caruso, che sottolinea: «Il M5S ha votato a favore dell' emendamento che permetterebbe, Regione permettendo, l' allungamento dell' agonia di un altro anno, ma lo si è votato solo per coscienza, consapevoli che questa non può essere la soluzione del problema. Il voto contrario della portavoce palermitana Claudia Mannino è un grido di rabbia e protesta per come si continua a praticare la politica del ricatto morale e lavorativo, che è servito spesso da volano alle campagne elettorali di coloro che oggi si appendono una medaglia e tentano di scaricare le colpe a chi, invece, predica la stabilità lavorativa e il reddito di cittadinanza».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X