IL CASO

Un centro per gli immigrati: polemiche a Sortino

di

SORTINO. Un centro di accoglienza per immigrati a Sortino: approderà in aula stasera nel Consiglio straordinario delle 19 l’atto di indirizzo voluto dall’opposizione per impegnare l’amministrazione ad aderire al bando del ministero dell’Interno per la rete Sprar. Ma già è polemica. Il documento del gruppo del Pd presentato dal consigliere Sebastiano Terranova ha innescato non poche critiche, tra le prime quella di Nello Bongiovanni di «Sortino al centro».

Ma l’atto di indirizzo non troverebbe d’accordo neanche i consiglieri della stessa maggioranza. Terranova spiega che l’adesione alla rete Sprar è un segnale importante non solo di solidarietà, ma anche perché creerebbe opportunità di lavoro tra i soggetti che si occupano, come le cooperative sociali, di accoglienza.  «Chiediamo che siano accolti un numero massimo di 25 migranti – spiega Terranova – e che siano minori migranti con un genitore. L’adesione al bando è un impegno per l’amministrazione comunale nel segno della solidarietà che da sempre contraddistingue il nostro paese». Dura la presa di posizione di Bongiovanni, soprattutto per la situazione in cui si trova per adesso il Comune, commissariato per la mancata approvazione del bilancio.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook