LA VERTENZA

Priolo, la rabbia dei disoccupati in municipio

di

PRIOLO. Hanno presidiato gli ingressi del palazzo municipale di Priolo chiedendo un incontro con il sindaco Antonello Rizza. Nessuna riunione però è stata finora convocata e così è esplosa la rabbia dei componenti del Comitato cittadino dei disoccupati e precari priolesi, che ieri si sono ritrovati in largo dell'Autonomia Comunale a protestare per l'intera giornata contro l'assenza di un progetto che possa garantire il loro inserimento all'interno delle cooperative per i piccoli lavori di manutenzione affidati dal Comune e nelle attività di servizio civico.

Sessanta i componenti del Comitato che intendono andare avanti nella loro protesta. «Sono 3.500 i disoccupati a Priolo - ha detto il presidente del Comitato, Simone Maltese - di questi oltre mille sono rimasti senza lavoro solo nell'ultimo anno. Siamo nella disperazione e questo è testimoniato dalle lunghe file di persone che attendono gli alimenti ed altri beni di prima necessità nei due giorni di apertura settimanale del punto Caritas.

Tutto questo è inaccettabile quando siamo a ridosso del più grande polo industriale d'Europa, dove a lavorare nell'indotto sono però solo coloro che provengono da Gela, da Palermo ed addirittura da Napoli». Ma i componenti del Comitato chiamano in causa il Comune ed il sindaco anche sulla clausola sociale che era stata prevista in base ad un accordo siglato tra il Comune ed i sindacati.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X