SIRACUSA

Il padre di Eligia: «Riesumazione necessaria per sapere la verità»

di

SIRACUSA. «Sarà doloroso per noi riesumare la salma di Eligia ma è indispensabile per accertare la verità». Tino Ardita, padre dell’infermiera morta il 19 gennaio scorso insieme alla figlia che portava in grembo, è certo che le prove del Dna su quell’indumento contribuiranno a ricomporre un puzzle ormai in via di definizione.

La famiglia sospetta che Christian Leonardi, il marito della donna indagato per omicidio volontario, non abbia agito da solo quella sera e sarebbe stato aiutato da qualcuno, in particolare nella vestizione di Eligia. Sul ripiano dell’armadio, gli inquirenti hanno rinvenuto una traccia e, probabilmente, sarà comparata con quella che i familiari ritengono esserci sul maglione. La magistratura, con il capo della Procura, Francesco Paolo Giordano, e l’aggiunto, Fabio Scavone, ha disposto la riesumazione del cadavere per prelevare quell’indumento che, da una prima ricostruzione dell’accusa, sarebbe stato fatto indossare dal marito per inquinare le prove.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X