SIRACUSA

Il padre di Eligia: «Riesumazione necessaria per sapere la verità»

di
indagini, omicidio, Eligia Ardita, Siracusa, Cronaca

SIRACUSA. «Sarà doloroso per noi riesumare la salma di Eligia ma è indispensabile per accertare la verità». Tino Ardita, padre dell’infermiera morta il 19 gennaio scorso insieme alla figlia che portava in grembo, è certo che le prove del Dna su quell’indumento contribuiranno a ricomporre un puzzle ormai in via di definizione.

La famiglia sospetta che Christian Leonardi, il marito della donna indagato per omicidio volontario, non abbia agito da solo quella sera e sarebbe stato aiutato da qualcuno, in particolare nella vestizione di Eligia. Sul ripiano dell’armadio, gli inquirenti hanno rinvenuto una traccia e, probabilmente, sarà comparata con quella che i familiari ritengono esserci sul maglione. La magistratura, con il capo della Procura, Francesco Paolo Giordano, e l’aggiunto, Fabio Scavone, ha disposto la riesumazione del cadavere per prelevare quell’indumento che, da una prima ricostruzione dell’accusa, sarebbe stato fatto indossare dal marito per inquinare le prove.

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Siracusa: i più cliccati