TRIBUNALE

Rapine a Palazzolo e Lentini, sette indagati restano in cella

di

PALAZZOLO ACREIDE. Restano in carcere sette degli otto arrestati nell'ambito dell'operazione «Settemassi» eseguita dalla Squadra mobile mercoledì, con l'accusa di aver fatto parte di un'organizzazione a delinquere che avrebbe compiuto numerose rapine in banca sul territorio provinciale e non solo.

All'udienza di convalida al Tribunale di Siracusa, dinanzi al gip Michele Consiglio, sono stati confermati gli arresti in carcere per Gaetano Calcò, 49 anni e Francesco Conti Taguali, 27 anni, entrambi di Tortorici, ma da tempo residenti a Villasmundo, difesi dall'avvocato Beniamino D'Augusta; resta in carcere anche Salvatore La Rosa, 50 anni di Palazzolo, assistito dal legale Giuseppe Giuliano. Convalidati gli arresti in carcere anche per i catanesi Giuseppe Lucio Giuffrida, 29 anni, Antonino Grasso, 60 anni, Antonino Russo, 31 anni e Massimo Catania, 45 anni. Disposti i domiciliari, invece, per uno solo degli arrestati Michelangelo Zito, 60 anni di Catania, al quale era stata contestata solo una tentata rapina.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook