SERIE D

Il Noto scappa, il Reggio lo riprende

di

NOTO. Il Noto è uscito dal «Granillo» con un pareggio più che legittimo e ha mantenuto l’imbattibilità nei confronti contro le formazioni calabresi. La compagine allenata da Cacciola ha messo in campo una buona organizzazione tattica e, nel primo tempo, è riuscita a portarsi in vantaggio con la complicità della retroguardia amaranto che ha permesso ad Assenzio di battere facilmente a rete da distanza ravvicinata, nonostante il disperato tentativo di parata operato da Licastro.

Il Reggio Calabria ha accusato il colpo ed ha portato avanti un primo tempo inguardabile tanto da essere contestato duramente dal pubblico amico. Tra l’altro, c’è da segnalare il grave infortunio rimediato dal centrocampista Lavrendi trasportato immediatamente in ospedale per gli accertamenti del caso. In avvio di ripresa, il rigore che ha determinato il pareggio della Reggina è stato causato da un fallo di mano di Assenzio, nell’occasione ammonito. Della relativa trasformazione si è incaricato Zampaglione che ha insaccato sulla destra dell’incolpevole Ferla.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X