SIRACUSA

La morte di Eligia, il Ris trova una nuova traccia

di

SIRACUSA. C’è una traccia, repertata dai carabinieri del «Ris» di Messina, nella camera da letto di Eligia Ardita, l’infermiera di 35 anni morta il 19 gennaio nel suo appartamento in via Calatabiano.

Un indizio, già evidenziato con una targhetta, su un ripiano dell’armadio dove c’erano i vestiti della donna, tra cui quel maglione che, secondo la ricostruzione dei familiari, il marito le avrebbe fatto indossare dopo averla uccisa. In effetti, anche nella testimonianza fornita ai magistrati ed ai carabinieri, Christian Leonardi, in carcere da oltre 3 mesi con l’accusa di omicidio volontario, avrebbe ammesso di aver cambiato gli indumenti della moglie per cercare di cancellare le prove della sua aggressione culminata con il decesso della coniuge e della figlia di 8 mesi che aveva in grembo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook