INCHIESTA

Le indagini sulla morte di Eligia, il marito trasferito nel carcere di Siracusa

di
Leonardi ha lasciato il carcere di San Vittore per tornare in Sicilia. Nominato un nuovo difensore

SIRACUSA. È stato trasferito dal carcere milanese di San Vittore a quello siracusano di contrada Cavadonna Christian Leonardi, l'uxoricida di 40 anni, arrestato dai carabinieri il 19 settembre per avere ucciso la moglie, l'infermiera Eligia Ardita, e la piccina che questa portava in grembo, la vittima era all'ottavo mese di gravidanza, nella loro abitazione in via Calatabiano il 19 gennaio scorso.

Il passaggio da un istituto di pena del Sud ad uno del Nord era stato richiesto dal difensore di Leonardi, l'avvocato Gioacchino Scuderi, e dallo stesso indagato per esigenze di praticità risiedendo il legale a Bologna. Dopo le dimissioni del penalista Leonardi, che è reo confesso, ha chiesto nuovamente di essere riportato nel carcere di Siracusa e, dopo avere trascorso qualche tempo senza un difensore, pare abbia manifestato la volontà di affidare la propria causa nuovamente al professore Giovanni Flora, che lo ha assistito fino a poco tempo fa e che aveva rinunciato all'incarico e che non sembrerebbe adesso intenzionato a tornare sui suoi passi, e all'avvocato Umberto Di Giovanni, che del professore Flora è stato sostituto processuale.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook