L'INCHIESTA

La morte di Eligia, il test del «Dna» anche su una vicina

di
I prelievi di saliva non sono stati effettuati solo sui familiari: gli investigatori puntano a verificare l’ipotesi di altre presenze

SIRACUSA. I prelievi di saliva sono stati compiuti anche su una vicina di casa di Eligia Ardita. Serviranno ai carabinieri del «Ris» di Messina per compararli alle tracce rinvenute sulle pareti dell’appartamento di via Calatabiano in cui il 19 gennaio si sono consumate le ultime ore di vita dell’infermiera dell’ospedale «Umberto I» e della figlia di 8 mesi che portava in grembo. Non ci sono solo i campioni della vicina nelle provette degli inquirenti che porteranno nei laboratori pure quelli dei parenti di Eligia e di altre persone estranee alla famiglia per identificare, una volta per tutte, il Dna della saliva scoperta in casa.

Gli esami tecnici
Gli esperti di investigazioni scientifiche si concentreranno sui prelievi appartenenti alla ristretta cerchia dei congiunti della vittima: se emergerà che il patrimonio genetico è identico a quello rinvenuto sulle mura della casa le indagini potrebbero puntare decisamente contro l’ipotesi del coinvolgimento di un’altra persona nel delitto di Eligia Ardita, per cui l’unico indagato resta sempre il marito, Christian Leonardi, accusato di omicidio volontario ed interruzione di gravidanza.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook