IN CONTRADA PIZZUTA

Firme false per «acquisire» un pezzo di terreno a Pachino

di

PACHINO. Un’area di 4500 metri quadrati è stata posta sotto sequestro dagli agenti della polizia giudiziaria della Procura. L’inchiesta, condotta dai magistrati Francesco Paolo Giordano ed Antonio Nicastro, avrebbe permesso di scoprire che quel terreno, integrato a un villaggio turistico, ricavato in contrada Pizzuta, a Portopalo, sarebbe stato acquisito con un testamento falso.

È stato così denunciato C.I., 37 anni, indicato dall’accusa come il proprietario fittizio del fondo, che sarebbe servito per ampliare la struttura ricettiva, controllata da tre società, la Dovita, per il 70 per cento, la Eltan, per il 25 per cento, mentre il rimanente 5 per cento sarebbe nella disponibilità dello stesso indagato.

Da quanto ricostruito dai magistrati, quel fondo apparterebbe a un altro proprietario che, senza esserne a conoscenza, ne avrebbe perso la titolarità poco meno di 5 anni fa. L’indagine, condotta dall’Aliquota della polizia della Procura, agli ordini del responsabile Giuseppe Giliberto, è, dunque, andata a ritroso nel tempo svelando che l’azionista di minoranza del villaggio turistico sarebbe diventato possessore dell’appezzamento attraverso una successione testamentaria dopo la morte del padre ma con una firma falsa.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook