SIRACUSA

Terreni estorti, 13 misure cautelari: indagato il deputato Coltraro

SIRACUSA. Si sarebbero impossessati in modo fraudolento, con minacce, intimidazioni e danneggiamenti di centinai di terreni al fine di sfruttarne le erogazioni pubbliche in economia e nell'allevamento.

I Carabinieri del Comando Provinciale di Siracusa e del Nucleo Antifrodi di Roma hanno smantellato l'organizzazione eseguendo 13 misure cautelari emesse dall'autorità Giudiziaria di Siracusa a conclusione di mesi di indagini. Sequestrati a livello preventivo oltre 500 terreni del valore di oltre 3 milioni di euro e la somma di 175 mila euro. Il sodalizio, secondo quanto è stato accertato, aveva estorto ai legittimi proprietari oltre 2 mila ettari di terreno.

Secondo l'inchiesta della procura di Siracusa il gruppo criminale, avvalendosi di atti pubblici falsi, rogati dal notaio Giambattista Coltraro (deputato regionale del gruppo Sicilia Democratica, risultato il più ricco all'Ars nel 2014) tra il 2011 ed il 2014, e anche con intimidazioni e danneggiamenti, avrebbe acquisito la disponibilità di oltre 2 mila ettari di terreno appartenenti ad ignari proprietari e, con la complicità di ispettori dell'Agea, l'Agenzia per le erogazioni in agricoltura, avrebbe conseguito erogazioni pubbliche per oltre 200 mila euro.

I reati contestati sono associazione per delinquere, tentata estorsione aggravata, truffa, truffa aggravata per il conseguimento di erogazione pubbliche, corruzione e falsità ideologica commessa dal Pubblico Ufficiale in atti pubblici. Emessi un ordine di custodia cautelare in carcere nei confronti di Antonino Carcione, 46 anni di Lentini (Siracusa); 10 ordinanze di custodia agli arresti domiciliari, tra i cui destinatari risultano due dipendenti e due collaboratori della Agea; una misura dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria; un'ordinanza di divieto temporaneo di esercitare la professione notarile per 10 mesi nei confronti del notaio  Coltraro, deputato regionale dell'attuale legislatura della Regione Sicilia. I carabinieri della Compagnia di Augusta, a conclusione di un'indagine avviata oltre un anno fa, hanno dato esecuzione alle tredici ordinanze del Gip di Siracusa.

I DETTAGLI DELL'OPERAZIONE - L'operazione «Terre Emerse» dei carabinieri ha sgominato un'associazione a delinquere finalizzata all'appropriazione indebita di terreni nei comuni di Augusta, Carlentini e Melilli in provincia di Siracusa per ottenere contributi in agricoltura.

Gli indagati avrebbero impedito l'attuazione delle verifiche previste grazie ad una rete di contatti con i soggetti preposti ai controlli, alcuni dei quali appartenenti al Corpo della Guardia di Finanza, in servizio in un reparto del messinese ed altri dipendenti dell'Agea: «Con condotte corruttive ottenevano il mancato rilevamento di anomalie ed irregolarità». Le indagini, coordinate dal procuratore capo Francesco Paolo Giordano, avrebbero messo in luce un sistema criminale complesso, articolato in più fasi. Prima avveniva la selezione dei terreni, in maniera «quasi chirurgica - spiega la Procura - preferendo le terre in proprietà di persone molto anziane o in condizioni di debolezza socio economica, prive delle risorse e delle capacità per resistere alle condotte usurpative».

Secondo gli inquirenti venivano poste in essere condotte di disturbo di progressiva gravità, dall'invasione di mandrie, all'incendio, dall'avvelenamento dei frutti alle minacce verbali, per allontanare i proprietari dai loro terreni.  Poi la banda passava all'appropriazione dei terreni: «appropriazione di fatto» e «appropriazione giuridica». Dopo aver costretto i proprietari all'allontanamento, gli indagati se ne sarebbero appropriati mediante recinzione del terreno con filo spinato o utilizzazione per i pascoli, o sfruttando lo stato di abbandono dei terreni. Inoltre, «l'illecita associazione procedeva ad un'appropriazione cartolare, con la creazione apparente di titoli giuridici formalmente ineccepibili. Le risultanze degli atti notarili di compravendita, contenenti false dichiarazioni rese da privati, sono smentite da visure storiche per immobile che non menzionano alcun passaggio di proprietà tra i reali proprietari e quelli sedicenti che risultano privi del titolo, in modo da consentire la stipula della compravendita con gli acquirenti finali». Ottenuta la titolarità giuridica sui terreni era possibile richiedere all'Agea i contributi previsti a tutela dell'agricoltura e della zootecnica, contributi che vengono concessi solo in base alla mera dichiarazione di disponibilità del terreno.

LA REPLICA DI COLTRARO. «Ho la coscienza a posto e so di aver operato secondo legge e secondo criteri di massima diligenza, previsti dai protocolli notarili». Lo afferma il deputato regionale di Sicilia Democratica, Giambattista Coltraro, oggi sospeso, coinvolto nell'inchiesta della procura di Siracusa sui terreni estorti per incassare contributi pubblici. «Reputo che alla base del provvedimento ci sia un problema sull'interpretazione giuridica delle vendite a rischio e pericolo dell'acquirente, - aggiunge -  previste dall'art.1488 del codice civile e di aver ricevuto atti perfettamente validi e conformi alle vigenti normative italiane. Pertanto, confido nell'operato della magistratura per la risoluzione di queste problematiche, dichiarando la mia totale estraneità ai fatti».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X