COMUNE

L’invito in Consiglio comunale a Siracusa: «Dimettiamoci»

di

L’esponente di «Progetto» Massimo Milazzo: «Ridare la parola agli elettori». Il capogruppo del Pd Francesco Pappalardo: «L’assemblea ha bisogno di unità»

consiglio comunale, Siracusa, Politica

TRAPANI. Una sola strada: le dimissioni e nuove elezioni. In un consiglio comunale orfano del presidente dopo le dimissioni di Leone Sullo, indagato per favoreggiamento, è stato il Massimo Milazzo, consigliere comunale di «Progetto Siracusa» a invitare tutti i colleghi «a rimettere il proprio mandato e ridare la parola agli elettori». «Non possiamo rimanere in silenzio - ha detto Milazzo -. Non siamo davanti solo a un problema giuridico ma etico e politico che supera ogni apprezzamento sull'amministrazione Garozzo. È una questione morale che può essere affrontata solo in un modo: dimetterci e tornare alle urne».

Va chiarito che le eventuali dimissioni del consiglio non comporterebbero la fine del mandato del sindaco Giancarlo Garozzo. «In quest'aula c'è un silenzio vergognoso - ha detto Simona Princiotta del Pd -, si è liberata una poltrona e adesso c'è solo una corsa a occuparla». Di diverso avviso il capogruppo del Pd Francesco Pappalardo.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Siracusa: i più cliccati