SINDACATO

Ugl: "Difendere l'autonomia del porto di Augusta"

AUGUSTA. «Ci chiediamo dove siano finiti i progetti, le promesse fatte per anni dalla classe politica regionale e nazionale sul ruolo strategico del Porto di Augusta nel Mediterraneo». Lo scrive il segretario provinciale dell'Ugl Siracusa, Antonio Galioto, in una lettera inviata ai sindaci dei comuni di Augusta, Melilli e Priolo e al presidente e ai membri del Consiglio Comunale di Augusta a seguito «delle poco assicuranti notizie circolate sulla stampa in merito all'ipotesi di accorpamento di più autorità portuali con il conseguente azzeramento dell'autonomia e delle funzioni del Porto di Augusta».

«Chiediamo a tutte le istituzioni locali coinvolte di fare il possibile per impedire che ciò avvenga - afferma il sindacalista -, evitando di dare un altro duro colpo al nostro territorio già martoriato e che il nostro Porto sia relegato ad un ruolo secondario, con tutte le inevitabili ricadute negative in termini occupazionali e produttivi». «È un dovere delle istituzioni del territorio - conclude il sindacalista - difendere l'autonomia del Porto di Augusta».

© Riproduzione riservata

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook