SERVIZIO IDRICO

Portopalo e Pachino «divorziano»: l'acqua non sarà più in comune

Siglato un patto fra i due enti. La soddisfazione del sindaco Mirarchi: una giornata storica

PACHINO. "Il 22 settembre 2015 potrà essere ricordata come una data storica per il comune di Portopalo di Capo Passero che potrà gestire autonomamente la distribuzione dell'acqua in paese". A dichiararlo è il primo cittadino Giuseppe Mirarchi, che proprio ieri mattina ha siglato un accordo con il vicesindaco di Pachino Andrea Nicastro, in forza del quale ha ricevuto in affidamento una vecchia conduttura che gli permetterà di fornire l'acqua a Portopalo senza dipendere da Pachino.

Fino a ieri infatti entrambi i comuni ricevevano l'acqua tramite una conduttura, la cui sorgente Scalarangio ricade nel territorio di Rosolini, che trasportava l'acqua nel serbatoio a Pachino per poi essere erogata sia ai pachinesi sia ai portopalesi. Contemporaneamente Pachino si fornisce di acqua anche ad un'altra sorgente, Fontana Grande, che si trova a Noto antica. L'esigenza di separarsi nasce proprio dalla carenza d'acqua, soprattutto durante il periodo estivo che si registra nelle sorgente netina, motivo per cui Pachino per rispondere al fabbisogno della popolazione è stato costretto a diminuire il quantitativo d'acqua erogato a Portopalo.

A questo punto per risolvere la questione entra in gioco un'altra conduttura, abbandonata da anni e appartenete a Pachino che si trova in contrada Stafenna a Rosolini, la cui acqua arriva sempre dalla sorgente Scalarangio e dove Portopalo ha una trivella di sua proprietà da cui potrà tirare l'acqua, che non passerà più dal serbatoio di Pachino, ma arriverà direttamente nelle case dei portopalesi.
Con l'accordo siglato ieri Pachino ha affidato a Portopalo la vecchia conduttura che dovrà essere risistemata.
"Un plauso - ha dichiarato il sindaco di Portopalo di Capo Passero Mirarchi- va all'amministrazione Bruno, soprattutto al vicesindaco Nicastro e ai dirigenti comunali di Pachino, i quali sia per il bene del loro sia per quello del nostro, sono riusciti a trovare la soluzione adatta, consentendoci di garantire un servizio idrico indipendente ai nostri cittadini".  EL. MI.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook