PRIOLO

La tragedia alla «Coemi», ci sono due indagati

di
Sono due dipendenti dell’azienda in cui è avvenuto l’incidente che ha condotto alla morte Vincenzo Guercio. Il reato è omicidio colposo. Domani l’autopsia

SIRACUSA. Due indagati per omicidio colposo. Sono arrivati ieri, dopo tre giorni di accertamenti e riscontri, i primi provvedimenti da parte della Procura di Siracusa nell’inchiesta per la morte di Vincenzo Guercio, l’operaio metalmeccanico di 63 anni che ha perso la vita venerdì mattina dopo essere rimasto schiacciato da un pesante cancello all’interno dell’impianto della «Coemi» a Priolo.

L’indagine, coordinata dal procuratore capo Francesco Paolo Giordano e dal sostituto procuratore Tommaso Pagano, ha portato all’iscrizione nel registro degli indagati di due persone, entrambi dipendenti della «Coemi», la ditta di proprietà della famiglia Prestigiacomo.

Oggi intanto, a distanza di 24 ore da quanto previsto originariamente, sarà effettuata l’autopsia sul corpo del capo officina originario di Carlentini. Sulla dinamica dell’incidente ci sono pochi dubbi perché lo sfortunato operaio, pochi minuti dopo le 11,30, stava effettuando un intervento di manutenzione su un cancello danneggiato insieme a due colleghi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook