LA DECISIONE

Operai morti a Priolo, l'Eni sospende la ditta dell'indotto

I sindacati protestano contro questo provvedimento

SIRACUSA. Il Gruppo Eni ha sospeso la ditta Xifonia da qualsiasi attività all'interno dell'area Versalis, nel polo petrolchimico di Priolo Gargallo, dove è avvenuto  l'incidente di due giorni fa nel quale hanno perso la vita due operai. Lo ha reso noto il sindacato che giudica questa scelta «intollerabile e inaccettabile». «La decisione dell'azienda del gruppo Eni - affermano i tre segretari generali di Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil, Gesualdo Getulio, Sebastiano Catinella e Marco Faranda - colpisce dodici lavoratori, colleghi dei due operai morti. Sospendere da qualsiasi attività l'appalto con Xifonia, pur in attesa degli esiti dell'inchiesta giudiziaria su quanto avvenuto, equivale ad una lugubre beffa; sembra quasi che le due vittime e la loro azienda siano già stati condannati da Eni».

«La ditta dell'indotto, che oggi ha concesso una giornata di ferie ai dodici lavoratori coinvolti, pagherà inevitabilmente il prezzo di una committenza che viene a mancare all'improvviso. A Versalis, quindi a Eni, chiediamo - proseguono i sindacati - un immediato passo indietro per scongiurare quell'inevitabile epilogo che costringe le ditte in crisi a provvedimenti di tagli al personale».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook