MALTRATTAMENTI

Picchia e rinchiude in una stanza il padre, una denuncia a Priolo

di
Una specie di tugurio, con un divano dove l’uomo dormiva e mangiava, utilizzato anche come bagno sia dall’anziano che dall’animale

PRIOLO. Teneva il padre chiuso in una stanza diventata il luogo dove mangiare, dormire e andare in bagno. Una condizione di gravissimo disagio scoperta dagli agenti del commissariato di Priolo grazie alla denuncia dello stesso anziano che ha anche problemi fisici.

Secondo quanto ricostruito dagli uomini guidati da Fabio D’Amore, da mesi ormai l’anziano era costretto a vivere in una piccola stanza, insieme a un cane. Una specie di tugurio, con un divano dove l’uomo dormiva e mangiava, utilizzato anche come bagno sia dall’anziano che dall’animale.

Gli agenti del commissariato di Priolo hanno per questa ragione denunciato un giovane di 30 anni con l’accusa di maltrattamenti in famiglia. Sarebbe stato proprio lui a disinteressarsi delle condizioni del padre e, in diverse occasioni, anche a picchiarlo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X