IN LIBIA

Italiani rapiti, la famiglia diffida il sindaco di Carlentini

Lo afferma in una nota l'avvocato Francesco Caroleo Grimaldi, legale delle due donne

Carlentini, italiani rapiti, libia, Siracusa, Cronaca

CARLENTINI. «A nome e per conto di Rosalba Castro, moglie di Salvatore Failla, recentemente rapito in Libia e tuttora nelle mani dei sequestratori, e della figlia, diffido il sindaco del Comune di Carlentini (Siracusa), ove risiede la Famiglia Failla, Giuseppe Basso, dal rilasciare interviste, dal diffondere notizie di qualsiasi genere e dall'assumere iniziative che riguardino direttamente o anche indirettamente il signor Failla, senza preventiva autorizzazione da parte degli unici soggetti che ne abbiano titolo, ossia la moglie e la figlia». Lo afferma in una nota l'avvocato Francesco Caroleo Grimaldi, legale delle due donne.

«Queste ultime, infatti - prosegue - chiedono fortemente che la loro angoscia non venga in alcun modo turbata e che la loro sofferta attesa sia rispettata. Questa è l'unica forma di solidarietà che in questo momento può essere da loro apprezzata».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Siracusa: i più cliccati