AMBIENTE

Rifiuti, ad Avola esplode il caso delle discariche abusive

di
Cumuli di immondizia nelle contrade Sanghitello e Mutubè. Ieri è scoppiato un rogo. È allarme per i rischi alla salute

AVOLA. Le bonifiche non bastano, le discariche abusive tornano puntualmente a formarsi e scoppia la polemica. Circa due settimane fa erano stati rimossi i cassonetti nei due punti di raccolta periferici di contrada Sanghitello, ai lati della circonvallazione Avola-Noto, e Mutubè, alle spalle del cimitero comunale. L’operazione della Servizio Ecologia però non è bastata per convincere i cittadini e non depositare in quel punto i rifiuti.
Il consigliere comunale Corrado Paolo adesso attacca l’amministrazione: «Non riescono a contrastare l’incivile fenomeno dell’abbandono di rifiuti di ogni genere che trasforma ogni giorno quelle aree in vere e proprie discariche abusive a cielo aperto, con conseguente danno di immagine per la città ma soprattutto di pericolo igienico-sanitario. Se da una parte - prosegue il consigliere - assessore al ramo e sindaco denunciano il grave e incivile fenomeno, dall’altra si fa ben poco per stroncarlo considerato che tutti i giorni nei due ex punti di raccolta l’immondizia e i rifiuti speciali fanno bella mostra».
Così il problema delle discariche abusive diventa uno dei problemi estivi più difficili da contrastare.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X