NEL SIRACUSANO

Canicattini, rotoimballatrice schiaccia e uccide operaio di Gela

Il macchinario del peso di trecento chili era stato appena caricato su un furgone

CANICATTINI. Un operaio gelese di cinquantanove anni ha perso la vita, nel tardo pomeriggio di ieri, nelle campagne vicino Canicattini, in contrada Sant'Alfano, dopo essere stato schiacciato da una rotoimballatrice del peso di oltre trecento chili.

Secondo una prima e ancora frammentaria ricostruzione dei fatti, l'uomo stava lavorando da qualche ora insieme ad altri operai per completare l'operazione di carico di varie rotoimballatrice di fieno acquistate da un contadino della zona, che, pur essendo situata a pochi chilometri da Canicattini, ricade all'interno del territorio di Noto.

L'operaio, tuttavia, sarebbe stato colto di sorpresa senza accorgersi tempestivamente del fatto che la rotoimballa gli stava finendo addosso, dopo essere scivolata dal veicolo a bordo del quale era stata caricata poco prima. Del tutto inutili si sono rivelati i tentativi di soccorso sia da parte dei presenti (i quali hanno immediatamente provveduto a lanciare l'allarme), che degli operatori del «118», giunti sul posto con un'ambulanza dopo alcuni minuti. MA.PE.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook