PARTITI

Pd di Siracusa, l’assemblea riapre la trattativa: nuovo appello all’unità ai renziani

di
Approvato un documento che rinvia ogni decisione. «Stallo» anche sulla segreteria

SIRACUSA. Il Pd continua a diluire i tempi, testimoniando l'assoluta difficoltà ad assumere decisioni che rischiano di essere senza ritorno. E così ieri mattina nell'assemblea provinciale convocata dal presidente Turi Raiti, alla presenza del responsabile regionale dell'organizzazione, Antonio Rubino, si è tornati ancora una volta a lanciare un appello ai renziani, ma soprattutto al sindaco Giancarlo Garozzo, a parlare di responsabilità e unità del partito, prospettare un congresso straordinario. Tutto è rinviato a dopo il voto per le amministrative. Ed in questo lasso di tempo sarà fatto tutto il possibile, come assicurato da uno degli incaricati delle trattative, Enzo Pupillo, perchè i ”renziani capiscano il valore dell'unità del partito”. Unità che al di la delle parole e degli impegni passa dalle ”quote”: 40 per cento ai ”renziani”, 22 all'«Area Dem», e 38 ai «Riformisti». E dalla consegna della guida del Pd siracusano nelle mani di Alessio Lo Giudice.

Saltando l'accordo anche la vicenda segreteria potrebbe essere archiviata. Su questo punto sia Pippo Zappulla che Bruno Marziano hanno posto un interrogativo: «Se il congresso provinciale è stato legittimo, e se l'elezione della segreteria è stata legittima, che bisogno ci sarebbe di un congresso straordinario».

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X