TRIBUNALE

«Appalti pilotati al Comune», tre imputati assolti a Siracusa

di
«Assolti per non aver commesso il fatto». Si è chiuso con un verdetto liberatorio il processo «Ceralacca» per due dipendenti comunali ed un imprenditori coinvolti nel blitz della Finanza scattato nel 2006

SIRACUSA. Assoluzione per non avere commesso il fatto. A distanza di dieci anni dall'esordio della vicenda giudiziaria si è concluso con un verdetto ampiamente liberatorio per gli imputati il processo per corruzione, turbativa d'asta, peculato e abuso in atti d'ufficio legati ad appalti del Comune scaturito dall'operazione condotta l'8 febbraio 2006 dalla Guardia di Finanza denominata «Ceralacca».

La sentenza è stata pronunciata ieri mattina dal tribunale collegiale nei confronti di Paolo Rina, investito dalla bufera giudiziaria in qualità di dipendente comunale, Claudio Carrubba, imprenditore, e Vincenzo Bartoluccio, anch'egli all'epoca dei fatti collaboratore amministrativo del Comune, quest'ultimo finito sotto inchiesta per presunti vantaggi personali ricavati con lavori edili fatti eseguire nella sua abitazione.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X