SOCIALE

Un pasto per tutti: a Noto nuovi aiuti ai poveri

di
Iniziativa del movimento cittadino «Insieme si può fare». Una squadra di volontari distribuisce viveri ogni giorno

NOTO. L'impegno in politica non manca: è forte e incisivo. È quello di "Insieme si può fare", il neo costituito movimento cittadino, che ha una sua precisa connotazione sociale oggi destinata, più di ogni altra cosa, a dare sostegno ai meno abbienti della città. Dopo lo sportello legalità, attivo via email e fax per segnalare abusi e episodi poco chiari, il gruppo, che tra i suoi fondatori conta due ex assessori comunali (Giuseppe Cannazza e Massimo Napoletano), da qualche settimana ha lanciato il progetto "Un pasto per tutti" che ha tra i destinatari i più bisognosi.

Un progetto che si propone di contrastare la povertà e che in un momento di grande e grave difficoltà si offre come conforto per il corpo e lo spirito. Una squadra di volontari da qualche giorno si occupa della raccolta di generi alimentari da distribuire alle famiglie netine più bisognose. Il gruppo si è dotato di una solida struttura: a operare, con grande disponibilità, sono un sacerdote, don Ottavio Ruta, penitenziere della Basilica Cattedrale, e i fratelli Carpenzano, titolari di due supermercati della città. All'attuazione del progetto sono state chiamate anche le comunità parrocchiali della città, alle quali spetta individuare le famiglie che hanno maggiori esigenze.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook