TURISMO

Arrivano i soldi per far rinascere Noto Antica

di
Verso la conclusione gli espropri. Dal Comune 76 mila euro per la valorizzazione dei percorsi storici dell’abitato. E poi c’è il progetto «Efian»

NOTO. La riscoperta di Noto Antica, la città distrutta dal terremoto del 1693, "un posto speciale non ancora del tutto sfruttato e valorizzato". Così la definì Ray Bondin, già commissario Unesco per il Val di Noto, appena un anno fa e il sindaco Corrado Bonfanti, pienamente convinto del valore storico e archeologico di quel luogo, oggi punta con decisione al recupero, ma anche alla conservazione e fruizione turistica organizzata del sito. ù

Per Noto Antica, che a ragione può essere considerato il terzo polo del turismo culturale netino, si avviano a conclusione le attività di espropriazione di zone private interne al sito e dirette all'acquisizione al patrimonio comunale dell'area ricadente nel vincolo archeologico. L'obiettivo è blindare l'area archeologica lasciata da sempre senza alcuna protezione, tant'è che nell'ultimo decennio è successo di tutto: trafugamento di reperti, tombe profanate, antichi muri perimetrali e colonne distrutte. Oltre a salvaguardare il centro si punta anche alla sua valorizzazione, con investimenti di recupero e sistemazione per avviarne la fruizione turistica.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook