IL CASO

Siracusa, passaggio dimenticato in consiglio: bufera su Sullo

di
Il presidente viene inserito in due commissioni ma lo Statuto lo vieta ed è costretto a lasciare i due organismi. Progetto Siracusa tuona: «Deve dimettersi»

SIRACUSA. Uffici e consiglieri ”dimenticano” un passaggio dello Statuto comunale e sul presidente del consiglio Leone Sullo si scatena una vera e propria bufera. Non c’è pace per l’assemblea cittadina che oltre allo scandalo «gettonopoli» continua a fare i conti con polemiche e lacerazioni interne che vanno avanti ormai dall’insediamento. Un flusso continuo di accuse che ieri è sfociato nell’ennesima richiesta di dimissioni nei confronti di Sullo. A scatenare le polemiche è stata la decisione di inserire il presidente del consiglio comunale all’interno di due commissioni consiliari, la quarta allo Sport, Decentramento e Protezione civile e la quinta al Bilancio. Tutto normale se non fosse che l’articolo 14 dello statuto comunale recita chiaramente che «la funzione di presidente è incompatibile con quella di componente delle commissioni consiliari». Un errore che per i consiglieri comunali di «Progetto Siracusa», Fabio Rodante, Massimo Milazzo e Salvo Sorbello, può portare solo a una strada. «Il presidente del consiglio non può fare altro che dimettersi - sostengono i tre consiglieri comunali -. Dopo aver omesso di esercitare le sue funzioni di vigilanza e controllo sull’operato delle commissioni oggi agisce in palese violazione dello statuto».

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X