POLIZIA

Noto, si indaga sull’incendio all’agriturismo

di
Le fiamme divampate martedì mattina hanno danneggiato un’abitazione, un magazzino ed un edificio all’interno della struttura di contrada Calamosche

NOTO. Non è stato ancora sentito il gestore dell’agriturismo, in contrada Calamosche, devastato dall’incendio ma il suo interrogatorio è solo questione di ore. Saranno gli agenti del commissariato di polizia, che coordinano le indagini, a sentire l’imprenditore, originario di Avola, non nuovo ad un danneggiamento con il fuoco. Gli inquirenti, al comando del dirigente, Giuseppe Grienti, stanno scavando nella vita, privata e professionale, del titolare dell’attività turistica, ma, per il momento, le carte non sono state inviate ai magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Catania. Insomma, non sarebbero stati riscontrati elementi da ricondurre l’episodio, in modo inequivocabile, ad un avvertimento del racket delle estorsioni o comunque di Cosa Nostra.

Poco dopo lo scoppio dei tre roghi, che hanno creato danni ad un’abitazione di circa 100 metri quadrati, ad un magazzino di 40 metri quadrati, il cui tetto è crollato, e ad un immobile in fase di ristrutturazione, i sospetti erano caduti su un messaggio di matrice mafiosa ma la polizia, con il passare delle ore, preferisce mantenere una linea abbastanza prudente.

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X