COMUNE

Calvo, prima sfida a Rosolini: non aumentare le tasse

di

Dopo la proclamazione il sindaco si è insediato. «Chiederò ad assessori e consiglieri di rinunciare a un mese di indennità per riparare le strade cittadine»

elezioni, rosolini, tasse, Siracusa, Politica

ROSOLINI. “Ho chiesto ai miei assessori e ai miei consiglieri di fare un piccolo sacrificio: rinunciare al primo mese di indennità di carica per destinare queste somme al rifacimento dell’asfalto nelle strade di Rosolini diventate ormai una vera groviera”. Ritorna un’amministrazione in città. Il sindaco “bis” Corrado Calvo si è insediato ieri mattina alle 12 con una cerimonia pubblica svoltasi nell’aula consiliare di palazzo “Cartia”.

Ha ricevuto dal commissario Filippo Gagliano la fascia tricolore ed è stato proclamato sindaco dal giudice della commissione elettorale Carolina Burrascano e della presidente della seconda sezione di Rosolini, Salvatore Agosta. E subito dopo le formalità il nuovo sindaco deve subito “correre”. Il commissario Gagliano, infatti, ha informato che la Corte dei conti ha richiesto subito una manovra correttiva nel bilancio, e questo si tramuta un possibile aumento di tasse.

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Siracusa: i più cliccati