COPPA ITALIA

Pallamano, Final Eight a Siracusa
Laudani: «Esame superato»

di
Bilancio positivo per l’organizzazione affidata all’Albatro, Vinci: «Potevamo ottenere un piazzamento migliore». In campo anche due arbitri siracusani

SIRACUSA. «Esame superato per l'Albatro dopo la Final Eight di Coppa Italia, abbiamo portato oltre cinquemila spettatori nelle tre giornate dedicate, dimostrando di essere una realtà importante della pallamano italiana». A ribadirlo il presidente della Teamnetwork Albatro, Vito Laudani a chiusura della trentesima edizione della Coppa Italia che ha visto il trionfo del Bolzano allenato dal siracusano Alessandro Fusina.

«Abbiamo riportato l'entusiasmo sugli spalti del pala Lo Bello - ha spiegato il presidente della squadra bianconera - era questo uno dei nostri obiettivi e possiamo dire di averlo centrato attraverso una collaborazione stretta con l'amministrazione comunale. Abbiamo vissuto e condiviso con la città tre giornate tutte dedicate alla pallamano, con incontri molto spettacolari che hanno appassionato il pubblico presente». Un percorso di crescita anche per l'Albatro che ha chiuso la «Final Eight» al settimo posto. «Abbiamo giocato alla pari contro Romagna ed i campioni d'Italia del Fasano - ha detto Laudani - al termine di partite molto tirate. La gara contro l'Ambra ha dimostrato che siamo una squadra tenace e con un grande carattere. Adesso vogliamo essere protagonisti anche nella poule dei play-off, iniziando dal test di Fondi importante per il prosieguo successivo».

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X