comune, Corte dei conti, priolo gargallo, Siracusa, Cronaca
COMUNE

Corte dei conti, a Priolo Gargallo consiglieri aumentano il gettone di presenza: +417%

PALERMO. È Priolo Gargallo il comune nel siracusano dove i consiglieri comunali hanno deciso di aumentare del 417 per cento il gettone di presenza: un danno, ha calcolato il procuratore regionale della Corte dei Conti Giuseppe Aloisio, di 650 mila euro circa. A Gela in provincia di Caltanissetta è stato sforato il patto di stabilità.

L'amministrazione comunale è stata invitata dalla procura contabile a dedurre proprio in questi giorni per avere superato la spesa di 120 mila euro.

I costi della politica e l'assunzione di personale nella pubblica amministrazione sono pratiche condizionate da eccessi ed abusi in Sicilia. La denuncia è contenuta nella relazione del procuratore regionale della Corte dei conti, Giuseppe Aloisio, secondo il quale la politica siciliana mantiene standard di spesa superiori a quelli dei paesi europei.

Rimborsi, indennità e vitalizi sono stati al centro di varie inchieste. I casi più significativi sono quelli dell'ex Provincia di Catania e dei gruppi parlamentari dell'Ars. Al presidente del consiglio e alla quasi totalità dei consiglieri provinciali di Catania è stato contestato un danno di 450 mila euro per spese di missione e di funzionamento ritenute non compatibili con le esigenze istituzionali.

Tra l'altro sono state contestate forniture di giornali, tra cui un quotidiano sportivo, libri e pubblicazioni di dubbia compatibilità con le funzioni svolte dai consiglieri, gadget e migliaia di calendari. Tre mesi fa sono stati convenuti in giudizio sette capigruppo parlamentari dell'Assemblea regionale per un uso "non istituzionale" dei fondi per un danno di un milione e 925.496 euro. Quei soldi sarebbero stati spesi per cene, regali e servizi personali. E mentre sui giornali finiva l'eco degli scandali per i costi eccessivi della politica i consiglieri di un piccolo comune decidevano di aumentare del 417 per cento il gettone di presenza: un danno, ha calcolato il procuratore, di 650 mila euro circa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Siracusa: i più cliccati