CARABINIERI

Siracusa, abusivismo: sigilli in un'area della Neapolis

di

SIRACUSA. In un’area di proprietà del demanio regionale aveva piazzato tavolini e ombrelloni senza però avere l’autorizzazione per farlo. Sono stati gli uomini del Nucleo tutela del patrimonio culturale dei carabinieri, guidati dal comandante Maurizio Cassia, a fare scattare i sigilli in un’area che si trova all’interno del parco archeologico della Neapolis ed è di pertinenza del ristorante «Il teatro». L’accusa nei confronti del gestore dell’attività commerciale, nell’ambito dell’indagine coordinata dal sostituto procuratore Antonio Nicastro, è di infrazione e occupazione di suolo pubblico.

Sia all’interno dell’area archeologica che lungo via Giuseppe Agnello sono così visibili i nastri bianchi e rossi e i cartelli che indicano il sequestro effettuato dalla Procura. Va detto però che il ristorante non ha subito alcun provvedimento da parte della Procura e che l’attività rimane quindi regolarmente aperta al pubblico. Diverso è invece il discorso per la zona di pertinenza del ristorante. In questo caso le irregolarità, secondo quanto sostenuto dalla Procura, sono invece state riscontrate nella gestione dell’area di pertinenza del ristorante ma di proprietà del demanio regionale. Sotto questo punto di vista, ll gestore del locale non avrebbe più avuto la concessione in regola per poter sistemare all’interno dell’area tavolini, sedie e ombrelloni.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook