CRISI

Turismo, i sindacati: "Persi tremila posti di lavoro nel Siracusano"

di
La Filcams denuncia la precarietà del settore: «Sempre più strutture alberghiere fanno ricorso alle chiusure stagionali»

SIRACUSA. «Nel settore turistico persi negli ultimi mesi 3 mila posti di lavoro in città e provincia». Lo ha rilevato ieri mattina il segretario provinciale della Filcams, la federazione che riunisce i lavoratori dei settori turistico, del commercio e dei servizi della Cgil, Stefano Gugliotta, nel corso della conferenza di fine anno tenuta nel salone di viale Santa Panagia. Secondo i dati illustrati dal sindacato negli ultimi undici mesi si è anche consolidato il ricorso al lavoro nero che si attesterebbe al 60 per cento in tutta la provincia. «Le vertenze più rilevanti in questo comparto sono quelle relative al gruppo Marconi ed Eureka Palace dove sono stati licenziati 66 addetti - ha spiegato il segretario provinciale della Filcams - ma accanto a questo va pure segnalata la chiusura di realtà cittadine come il Park Hotel, con la perdita di 35 posti di lavoro, oltre ad un indotto che ruotava intorno alle cento unità. Tutti posti di lavoro che non sono stati riassorbiti e che vanno a incrementare la quota di disoccupazione esistente in provincia». Ma la Filcams intende avviare un dialogo con le associazioni degli albergatori ed il Comune per affrontare il tema della stagionalità, utilizzato dalle realtà alberghiere durante il periodo compreso tra novembre e febbraio.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X