BENI CULTURALI

Parco archeologico, Granata: "Serve autonomia"

di

L’ex parlamentare nazionale si rivolge ai sindaci e all’assessore regionale: «Abbiamo degli autentici musei a cielo aperto da Neapolis a Megara e Eloro»

Siracusa, Cultura

SIRACUSA. «La valorizzazione del patrimonio archeologico passa dalla istituzione dei parchi: occorre rompere ogni indugio». A ribadirlo è l’ex assessore regionale Fabio Granata che polemizza su un tema che sottolinea andrebbe affrontato e gestito «applicando le normative d’avanguardia esistenti in Sicilia dal duemila». «Invece - dice si parla a vanvera di politiche di valorizzazione e tutela del patrimonio archeologico. E questo è ormai una pratica intollerabile». «Ci sono interessi vari che fin ora hanno impedito l’applicazione di una legge che potrebbe far gestire Neapolis, Leontinoi, Megara, Thapsos, Akrai, Eloro, Pachino-Portopalo come autentici musei a cielo aperto, dotati di autonomia finanziare - dice l’ex parlamentare nazionale - coordinati da direttori all’altezza del compito e da consigli di amministrazione con le rappresentanze dei sindaci e delle professionalità del settore, dalle guide agli artigiani».  Granata guarda poi al caso di Agrigento sottolineando che «in pochi anni ha decuplicato biglietti e ricavi gestendo in piena autonomia le risorse del parco - dice - sia per la manutenzione che per la sua ordinaria e straordinaria manutenzione».

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Siracusa: i più cliccati