IL CASO

Siracusa, riforma dei quartieri: "Non vanno soppressi"

di
La denuncia di Rotondo: «Piazza Santa Lucia è in condizioni pessime e fra pochi giorni arriva il corpo della Patrona». Romano: vogliamo segnali concret

CASSIBILE. «Vogliamo segnali chiari dall’amministrazione comunale o siamo pronti a fare partire nuovi confronti serrati». Nel giorno della presentazione degli eventi natalizi, i presidenti delle nove circoscrizioni cittadini tornano a far sentire la propria voce contro la decisione dell’amministrazione di rivedere, a partire dalla prossima sindacatura, il numero dei consigli di quartiere.

«Le circoscrizioni sono organismi previsti dalla legge - sostiene Paolo Romano, presidente di Cassibile - e servono a far sentire la presenza delle istituzioni nelle varie zone della città. Noi vogliamo segnali netti e chiari dal Comune e invece fino a questo momento il sindaco è stato assente e gli assessori sono venuti nei consigli ma sono sempre state nostre iniziative». Duro attacco anche dal presidente di Santa Lucia Fabio Rotondo che guarda anche all’evento tanto atteso da tutta la città, il ritorno del corpo della Patrona. «Non è ancora stata effettuata la manutenzione di piazza Santa Lucia - ha detto Rotondo - e ci sono basole divelte e lampade rotte. Non sarebbe il miglior biglietto da visita per le migliaia di persone che arriveranno in città per rendere omaggio a Santa Lucia».

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X