TURISMO

Tassa di soggiorno per il teatro greco di Siracusa

di

SIRACUSA. Il Teatro Greco è ”malato” e l’ex sovrintendente Mariella Muti indica due strade per una cura ”shock” e immediata: gli introiti della tassa di soggiorno e i fondi per lo sbigliettamento per agire subito con lavori di massima urgenza. Serve essere «concreti» e «prendere decisioni rapide» secondo Muti per avviare subito gli interventi di manutenzione necessari a dare ”respiro” a uno dei monumenti più importanti nel mondo. Nei giorni scorsi, al termine del sopralluogo effettuato dal sovrintendente Calogero Rizzuto insieme a Maria Musumeci, Gabriella Ancona, Paolo Tiralongo e Salvatore Sirugo, funzionari ed esperti della sovrintendenza ai Beni culturali, è stata ribadita la necessità di effettuare interventi urgenti al Teatro Greco. Rizzuto ha anche annunciato un approfondimento delle condizioni del monumento che, va detto, non da adesso e già da qualche anno ha bisogno di manutenzione. L’aspetto più delicato, come ha spiegato lo stesso sovrintendente, è legato alla frantumazione dei blocchi di pietra ed è proprio su questo fronte che bisogna intervenire con assoluta priorità stando a quanto sostiene Rizzuto. Per effettuare la manutenzione, però, servono risorse che al momento non ci sono e questa situazione potrebbe fare slittare e di molto l’avvio dei lavori.

Proprio al reperimento di fondi guarda Muti. «Ritengo che la soluzione migliore - spiega l’ex sovrintendente - sia quella di ricorrere all’utilizzo degli introiti derivanti dalla tassa di soggiorno e dei fondi per la vendita dei biglietti d’ingresso al parco della Neapolis». Resta da capire, soprattutto per quanto riguarda la tassa di soggiorno, se per quest’anno ci siano ancora risorse a disposizione ma Muti ribadisce come «le preoccupazioni per lo stato del Teatro Greco siano legittime, anche perché già da tempo c’è la necessità di effettuare interventi e avevamo anche preparato un progetto che purtroppo non è stato finanziato».

 

ALTRE NOTIZIE NELL'EDIZIONE DI SIRACUSA DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook