TURISMO

Grandi alberghi chiusi a Siracusa, Zappulla: «Manca un progetto ampio»

di

SIRACUSA. «Non esiste un progetto per valorizzare il turismo in città e favorire le presenze anche nei mesi invernali». Lo ha sottolineato il segretario provinciale della Cgil, Paolo Zappulla, dopo la chiusura tecnica di alcune strutture alberghiere nel centro storico decisa in concomitanza della fine stagione turistica.

Secondo i dati del sindacato tra città e provincia ci sono 8 mila posti letto tra grandi e media strutture alberghiere, insieme ai bed and breakfast, con 1.200 addetti che operano come personale diretto e 2.500 che ruotano nell'indotto. «Tenere gli alberghi chiusi significa rendere non solo stagionale - ha detto il segretario della Cgil - ma soprattutto precario il lavoro di questo settore e dello stesso indotto così come sta avvenendo proprio a seguito di queste chiusure con il passaggio dai contratti a tempo indeterminato a quelli part-time». La Cgil ha anche sollevato l'assenza di una vera programmazione che nel periodo compreso tra ottobre e marzo riesca ad attrarre turisti in città. Proprio per questo Siracusa resta ancora indietro rispetto al confronto con città come Roma e Firenze.

 

ALTRE NOTIZIE NELL'EDIZIONE DI SIRACUSA DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X