USURA

Estorsioni, cinque imprenditori di Siracusa si ribellano

di

Cinque imprenditori hanno detto no rivolgendosi alle associazioni antiracket. Le nuove denunce hanno fatto scattare le indagini da parte delle forze dell’ordine e della magistratura.

Siracusa, Cronaca

SIRACUSA. Sono 5 gli imprenditori che hanno deciso di liberarsi dal peso delle estorsioni e dell’usura. Si sono rivolti alle associazioni antiracket per tentare di uscire dal tunnel in cui sono entrati, specie i due che erano incappati nella rete dei cravattari, capaci di scippargli le chiavi delle loro aziende e soprattutto della loro vita.

«Naturalmente – spiega il coordinatore provinciale delle associazioni antiracket, Paolo Caligiore – non possiamo svelare le loro identità, per evidenti ragioni sicurezza, ma si sono avvicinati all’associazione e stiamo cercando di risolvere la loro situazione insieme alle forze dell’ordine ed alla magistratura, che restano il perno centrale nella lotta alle organizzazioni criminali».

Nonostante le leggi a tutela delle vittime del racket e dell’usura, a cui sono concessi fondi statali per ricominciare, non è ancora sufficiente il numero di persone che decide di rivolgersi alle associazioni o alle forze dell’ordine. «Eppure – dice il coordinatore provinciale delle associazioni antiracket, Paolo Caligiore – i dati dicono che tutte le denunce si sono concluse con l’arresto dei responsabili. Crediamo sia un problema di cultura e su questo dobbiamo continuare a lavorare senza tregua».

ALTRE NOTIZIE NEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Siracusa: i più cliccati