Tragico incidente, muore un infermiere di Lentini

LENTINI. Una piccola semicurva ed uno schianto frontale poi risultato fatale. È di un morto e di un ferito lieve il bilancio del tragico incidente che si è verificato, ieri mattina, lungo la strada provinciale «57», che collega Brucoli a Carlentini, nella zona del villaggio Baia del Gambero, in territorio di Augusta. La vittima è il lentinese Alfredo Formica, 45 anni, infermiere, in servizio all'ospedale di Lentini, che lascia la moglie ed un bambino di cinque anni.
Due i mezzi coinvolti nello scontro una Peugeot «106» ed un fuoristrada «Land Rover». Formica, che era alla guida della «106», stava percorrendo la provinciale, in direzione di Carlentini, quando per cause che sono in corso di accertamenti da parte dei carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Augusta, nell'imboccare la semicurva avrebbe perso il controllo del mezzo finendo al centro della carreggiata e sbattendo frontalmente contro il fuoristrada condotto da A.V., 31 anni, imprenditore di Lentini. Nell'impatto ad avere la peggio è stata la piccola autovettura che è uscita fuoristrada, mentre il conducente Alfredo Formica è rimasto incastrato tra le lamiere.
L'allarme è stato lanciato da alcuni automobilisti e dal conducente del fuoristrada. Sul posto sono arrivati l'ambulanza del «118», l'elisoccorso, i medici e i vigili del fuoco del distaccamento di Augusta che hanno estratto Alfredo Formica dalle lamiere dell'autovettura. L’uomo, viste le gravi condizioni, è stato trasportato con l’elicottero al pronto soccorso dell'ospedale «Cannizzaro» di Catania, dove i medici hanno cercato di strapparlo alla morte. Il cuore di Alfredo Formica ha cessato di battere qualche ora dopo l'arrivo nel nosocomio catanese. Ha riportato invece solo delle lievi ferite il trentunenne che era alla guida del fuoristrada. La provinciale, che è stata chiusa al traffico per permettere ai carabinieri di effettuare i rilievi e accertate le cause che hanno provocato l'incidente, è stata riaperta al transito dopo alcune ore. Su disposizione del magistrato di turno della Procura i due mezzi sono stati posti sotto sequestro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook