Autostrada Siracusa-Gela, in arrivo il pedaggio

Siracusa, Archivio

SIRACUSA. «Entro la fine dell’anno contiamo di ottenere il via per introdurre il pedaggio lungo l’autostrada per Gela». Mentre migliaia di automobilisti, negli ultimi fine settimana, sono rimasti bloccati per ore in fila nel tratto tra Cassibile e la città, il «Cas», il Consorzio per le autostrade siciliane non arretra di un millimetro davanti alla decisione di introdurre il pagamento lungo l’asse viario che ancora oggi si presenta con innumerevoli problemi. A testimoniare l’intenzione del Consorzio di accelerare i tempi sono gli interventi per la sistemazione della segnaletica stradale proprio in prossimità dei caselli già installati lungo tutta l’autostrada.
«Da un lato vogliamo rendere più visibili i caselli, soprattutto quello a Cassibile – ha dichiarato il presidente del «Cas», Rosario Faraci – e dall’altro stiamo cercando di velocizzare i lavori propedeutici all’introduzione del pedaggio».
Il «Cas» insomma tira dritto per la propria strada e il presidente fissa già un termine. «Una volta ottenuto il via libera dal ministero – ha aggiunto Faraci – contiamo di far partire i pagamenti entro la fine dell’anno». Se nel futuro sembra dunque esserci un’autostrada a pagamento, il presente di molti automobilisti parla di proteste, lunghe file di auto, soprattutto nei fine settimana, e disagi continui per gli interventi che sembrano non finire mai. È lo stesso Faraci che cerca di gettare acqua sul fuoco. «I lavori sono indispensabili al miglioramento delle condizioni dell’infrastruttura – sostiene il presidente del Consorzio autostrade siciliane -, capisco i disagi che stanno vivendo gli automobilisti ma chiediamo un po’ di pazienza perché una volta completati tutti gli interventi avremo un asse viario fruibile a tutti e in condizioni migliori». Per quanto riguarda invece la prosecuzione dell’autostrada, con i lotti da Rosolini a Modica, Faraci ribadisce che “una volta stipulato il contratto con la ditta che dovrà eseguire i lavori, contiamo di completare tutti gli adempimenti burocratici entro pochi giorni, quindici al massimo, in maniera tale da poter poi far proseguire in maniera spedita gli interventi di costruzione dei tre nuovi lotti”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook