Siracusa, scoperti in un lido a Fontane Bianche 5 addetti irregolari

SIRACUSA. Lavoravano in uno stabilimento balneare, ricavato sulla spiaggia di Fontane Bianche, ma non erano assunti regolarmente. Sono cinque i dipendenti, senza contratto, scoperti dai carabinieri del comando provinciale e del Nil, Il Nucleo ispettorato del lavoro, che hanno spiccato una sanzione piuttosto salata al gestore dell’attività commerciale. Dovrà sborsare circa 20 mila euro per rimettersi in carreggiata dopo l’ispezione che, di certo, non si aspettava. Gli inquirenti hanno passato al setaccio numerosi insediamenti produttivi in una delle zone balneari più gettonate dai bagnanti e dai turisti. Sono stati, infatti, compiuti dei controlli lungo il litorale, a cui hanno preso parte anche i carabinieri della stazione di Cassibile, ma gli occhi si sono posati su quello stabilimento. I dipendenti stavano lavorando e quando si sono presentati i carabinieri non hanno potuto fare altro che vuotare il sacco. Non è chiaro da quanto tempo erano in servizio ma nessuno di loro aveva le carte in regola e sono stati ascoltati per avere altri dettagli, a cominciare dal “reclutamento”. Sono state raccolte le loro deposizioni ma su questo aspetto i carabinieri del comando provinciale e del Nil preferiscono mantenere uno stretto riserbo. Sarebbe stato poi sentito il gestore dello stabilimento balneare che avrebbe fornito le sue spiegazioni, pure queste coperte dalla riservatezza degli inquirenti, che hanno anche esteso le verifiche sulle altre autorizzazioni. Non sarebbero emerse delle violazioni, sotto tale aspetto, ma il titolare si è messo nei guai con la vicenda delle assunzioni irregolari dei cinque lavoratori. Sarebbero stati compiuti degli accertamenti all’Inps dove i dubbi degli investigatori avrebbero trovato delle certezze.
Per quanto concerne le altre verifiche a Fontane Bianche non sono stati scoperti casi di lavoro nero. Proseguono, comunque, i controlli alle attività produttive in zone della città ad alta densità di popolazione e commerciale da parte dei carabinieri, che, in particolare, nella zona di Ortigia, hanno creato una task force con gli agenti della polizia municipale e gli ispettori dell’Asp. L’obiettivo è di tutelare la salute dei consumatori, che, in queste ultime settimane, hanno invaso il centro storico e la fine delle rappresentazioni classiche al Teatro Greco non ha fermato la corsa dei turisti verso l’antica isola. Sono stati già sanzionati alcuni commercianti, tra cui gestori di pizzerie, ristoranti e bar, per alcune irregolarità, come l’occupazione del suolo pubblico o la mancanza di autorizzazioni comunali. L’arrivo dell’estate ha avuto l’effetto di ripopolare le località balneari ed è proprio qui che si sono spostate le attenzioni dei militari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook